Gaeta 2012, Una Campagna Elettorale Desolante

Una campagna elettorale rissosa e confusa. A fare notizia sono solo manifesti abusivi e qualche atto vandalico. Una campagna così squallida che di programmi si parla solo dai palchi dei comizi e non si accettano, invece, confronti pubblici con altri candidati alla carica di Sindaco. Una politica cittadina che si conferma brutta e primitiva. Anche gli spot elettorali di alcuni candidati al Consiglio Comunale trasmessi da quella TV locale che in Città hanno ribattezzato, aggiungo correttamente, TeleMitrano o TeleFazzone sono penosi, anzi direi quasi imbarazzanti. Uno scenario desolante nel quale al cittadino-elettore è sottratto il diritto all’informazione e in cui rischia di trarne vantaggio esclusivamente il candidato della destra fazzoniana che, come noto, punta tutto sui cacciatori di preferenze abili a muovere il consenso su meccanismi clientelari e di riscatto individuale piuttosto che sulla base di programmi e di prospettive collettive.

Annunci

Nuovo Campo di Calcio della Piaja dalle Parole ai Fatti.

“Sono iniziati questa mattina i lavori presso il campo di calcio del quartiere Piaja dopo un iter amministrativo durato due anni”. Finalmente siamo riusciti ad affidare i lavori. Un Intervento importante per lo sport cittadino e la vivibilità del quartiere Piaja. Un intervento a favore dei giovani, ma con ricadute positive su tutti i residenti del quartiere. Un intervento finanziato dalla precedente Giunta di Centrosinistra, fortemente voluto dall’Assessore ai Lavori Cosmo di Perna e che ha trovato concretizzazione anche grazie all’interessamento politico del Consigliere Regionale del Partito Democratico Enzo Foschi. Il candidato Sindaco della destra fazzoniana programma viaggi elettorali nei quartieri della Città, Noi alle parole e ai tour propagandistici, come dire, preferiamo i “fatti”.

Mitrano e Il Principe dei Doppi Incarichi

Come suo principale sponsor politico per questa campagna elettorale sembra aver scelto il Sindaco di Latina Di Giorgi. Una pessima scelta per Mitrano. Quasi peggio Di Giorgi che Fazzone, almeno per quanto riguarda la pessima abitudine di sommare privilegi e benefit per doppi e tripli incarichi. Un politico, Di Giorgi, noto alle cronache regionalie provinciali soprattutto per essere riuscito con escamotage, furberie spicciole e il sostegno del proprio partito (il PDL) e della maggioranza regionale della Polverini, a conservare per quasi un anno il doppio incarico incompatibile per legge di Sindaco e Consigliere Regionale alla Pisana. D’altronde, anche lo stesso Mitrano mostra una discreta passione per ammucchiare incarichi e responsabilità. Insomma, tra Mitrano e Di Giorgi, amore (politico) a prima vista.

Per il Bene di Gaeta, un programma sui “massimi sistemi”

Cosimino Mitrano ha presentato ufficialmente il suo programma elettorale, evviva. Intendiamoci, subito. Era un obbligo di legge farlo. La normativa naturalmente non offre ai candidati sindaco dei consigli utili per scrivere un buon programma elettorale.

Potete leggerlo Qui. Io l’ho letto tutto e vi assicuro che non sono riuscito a trovare una sola proposta originale, distintiva o concreta. Un programma scritto con lo stile del famoso dialogo sui “massimi sistemi”. Eppure, la coalizione fazzoniana delle destre si era riservata un tempo assai lungo per la sua elaborazione programmatica. Risultato? Tanta fuffa e poca sostanza. Un programma  che sembra un misto fra un vuoto pneumatico di idee e delle banalità bestiali.  Un trattato di filosofia politica noioso e utile solo a non assumersi responsabilità nei confronti della Città. Con questo programma l’attività politica di un Sindaco e di un’intera Amministrazione Comunale sarebbe libera nell’azione e non misurabile nei risultati. Bocciati!!

Per il Bene di Gaeta e il programma che incombe

Hanno scelto per la loro coalizione un nome evocativo: “Per il Bene di Gaeta”. Dove lo sforzo più evidente è stato quello di mimetizzare il nome del PDL in una distesa di liste da carnevale di Rio, nate a ridosso delle elezioni e di cui non si conoscono ancora candidati e programmi. In realtà, a non avere il programma è l’intera colazione (per conferma cliccate QUI), d’altronde ci fanno sapere (a soli 2 mesi dalle elezioni) che il loro programma sarà: “alternativo ed innovativo rispetto alle tradizionali promesse contenute nei programmi elettorali degli ultimi vent’anni, purtroppo rimasti tutti sulla carta”. E aggiungono, mostrando anche sicurezza e nessuna fretta di presentarlo alla Città e agli elettori: “Attualmente il progetto di governo è in fase di analisi da parte delle tre Commissioni di lavoro. Il testo definitivo verrà pubblicato nella presente sezione e stampato in formato cartaceo per essere distribuito ai cittadini”.

È evidente che “Per il Bene di Gaeta” è una coalizione costruita a tavolino, dove l’unico collante è la riconquista del potere. Le logiche politiche più elementari sono rovesciate e il percorso seguito appare davvero poco rassicurante. Sintetizzando, hanno individuato, senza nessun meccanismo democratico, un candidato Sindaco che ha lavorato per mesi alla costruzione di liste civiche d’appoggio. Dopodiché hanno lanciato una coalizione che ha simulato una discussione politica che si è conclusa (guarda caso): con la scelta sorprendente di proporre il Candidato Sindaco di cui sopra. In ultima battuta, con calma olimpica, si annuncia un programma elettorale che, a soli 2 mesi dalle elezioni amministrative, si trova ancora in fase di elaborazione. Tutto questo mi sembra una conferma alla tesi di quanti, come il sottoscritto, avevano sottolineato come la grande alleanza del PDL non era costruita sui programmi, ma sul candidato Sindaco imposto dal Senatore Fazzone circa 3 anni fa.

Telefree è stato appaltato dal centrodestra gaetano

Tele Free è ormai un sito web appaltato dal centrodestra gaetano. Inserzioni pubblicitarie (ovunque) del Candidato Sindaco del PDL ne sono la prova. Niente di scandaloso, ma è giusto farlo notare.

Quindi, Avviso di Lettura: I post sulla politica gaetana prendeteli con le pinze, potrebbero contenere bufale, ricostruzioni faziose o analisi lievemente di parte.

Il Ruolo dei Dirigenti del Comune di Fondi secondo la Commissione Frattasi

Per rispondere ai molti di voi che mi stanno chiedendo,  giustamente,  il perché nella campagna elettorale per le amministrative di Gaeta sia entrato il tema  del mancato scioglimento del Comune di Fondi, rispondo, senza aggiungere commenti, pubblicando sul blog un estratto della relazione commissione d’accesso nominata dal ex-Prefetto Frattasi in cui si parla dei Dirigenti del Comune di Fondi.

La relazione 2008 della commissione d’accesso del prefetto Frattasi ha giudicato la cosiddetta macchina amministrativa e il ruolo svolto dai Dirigenti Comunali con queste testuali parole: «La stessa macchina amministrativa in tutte le proprie articolazioni risulta interessata da illegittimità gravissime. A questo proposito – sono parole del Prefetto – la Commissione ritiene si sia configurato in capo ai diversi dirigenti dei settori amministrativi – tutti scelti dall’Amministrazione Parisella – una sorta di passivizzazione, cioè di supino assoggettamento al capillare controllo sia del Sindaco che degli Assessori di competenza, ottenuto attraverso la sistematica apposizione del ‘visto’ da parte degli organi di vertice politico su ogni autorizzazione di spesa emanata dai diversi rami dell’amministrazione ». Una macchina amministrativa deviata, secondo Frattasi (si legge sempre nella relazione): «L’accesso ha consentito insomma di accertare che le diverse situazioni venute ad emergere, di per sé costituenti gravi, quando non gravissime, violazioni dei principi di imparzialità, trasparenza e buon andamento, non corrispondono ad episodici quanto deprecabili casi di cattiva amministrazione, ma presentano, anche per il fatto di riguardare ogni settore della vita amministrativa, il carattere della sistematicità. La qual cosa, unita all’oggettiva agevolazione di interessi economici di elementi contigui alla criminalità organizzata o da considerare ad essa affiliati, conferisce al quadro di insieme una pericolosità tale da dover essere fronteggiata con strumenti di rigore».

La litania infinita del PDL Gaeta….

Il logo della loro Coalizione è spudoratamente copiato. “Per il bene di Gaeta”, nome scelto per la loro coalizione, è un’evidente provocazione. Ma vabbè, facciamo uno sforzo, sorvoliamo. Vi volevo parlare di un altro aspetto della strepitosa comunicazione politica del centrodestra gaetano. Il protagonista come spesso accade è sempre lui, Cristian Leccese. Un protagonista assoluto della politica cittadina, almeno in quanto a presenza sulla carta stampata. I lettori dei giornali locali, un giorno si e l’altro pure, rischiano di imbattersi in una sua dichiarazione stampa. Bene, fin qui nulla da obiettare, ci mancherebbe. La questione è un’altra, e, mi è balzata agli occhi leggendo un passo del suo ultimo comunicato stampa. Cristian Leccese, ieri : ”Il PdL stigmatizza dunque con forza l’operato dell’Amministrazione Raimondi che mostra sulla questione tutto il fallimento politico ed amministrativo di questi cinque anni”  (http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=95106). Per lui Raimondi ha fallito, è una sua legittima quanto opinabilissima posizione. Il concetto espresso è chiaro, ma mi domando perché scriva “Fallimento Politico” come un refrain in ogni suo comunicato. Repetita iuvant? Tecnica berlusconiana del disco rotto? Dizionario sinonimi e contrari dichiarato fuorilegge nel PDL locale?.. O cos’altro?
Non esagero, è davvero una litania infinita. Basta prendere le dichiarazioni rilasciate da Cristian Leccese nell’ultimo anno per farsi un’idea di come il Coordinatore del PDL si sia incantato, di brutto.

16 febbraio 2011 –Cristian Leccese: “Comprendiamo il disagio e l’amarezza del Partito Democratico che si trova a dover ereditare un fallimento politico ed amministrativo pesantissimo non certo imputabile alla odierna gestione del partito” (http://www.golfotv.info/home/content/view/8794/2/)
18 febbraio 2011 – Cristian Leccese: “Lasciamo a Raimondi le sue chiacchiere ed il risultato del suo fallimento politico” . (http://www.areagolfo.it/print.php?news.1650)
25 febbraio 2011 – Cristian Leccese: “Chiacchiere al vento che attestano solo il fallimento politico ed amministrativo di questa maggioranza civico-di-sinistra. Come è possibile continuare ad assistere agli annunci falsi e propagandistici del primo cittadino, che nascondono invece la grave situazione in cui versa la Città?”( http://www.golfotv.info/home/content/view/8835/33/)
16 Marzo 2011 – Cristian Leccese: “mentre questaamministrazione consuma il suo fallimento politico ed amministrativo, la città– sottolinea Leccese – soffre di molteplici problemi”. (http://www.telegolfo.com/index.php?option=com_content&task=view&id=8365&Itemid=29)

15 Aprile 2011 – Cristian Leccese: “il PdL locale nutre il timore che le parole del Sindaco siano ancora una volta proclami elettorali finalizzati a nascondere quattro anni di immobilismo e di totale fallimento politico ed amministrativo”. (http://www.provincialatina.tv/notizie/dettaglio.php?id=33974)
2 Maggio 2011 – Cristian Leccese: “Da alcuni giorni infatti il Sindaco sta cercando inutilmente di autocelebrare il suo totale fallimento politico ed amministrativo camuffandolo con finti trionfalismi che non convincerebbero nemmeno un bambino”. (http://www.paconline.it/wordpress/blog/archives/51461)
28 Maggio 2011 – Cristian Leccese: “È già in piena campagna elettorale il Sindaco Raimondi, e per sperare di riacquistare un po’ di credibilità, si cimenta in becere autocelebrazioni per distogliere l’attenzione dal fallimento politico e dal disastro in cui versa la macchina amministrativa”. (http://www.golfonews.com/index.php?option=com_content&view=article&id=9139:gaeta-leccese-pdl-i-demeriti-del-sindaco-raimondi&catid=146:politica&Itemid=15)24 Giugno 2011 – Cristian Leccese: “Non a caso tra le delibere non pubblicate sul sito ufficiale del Comune manca quella relativa al rilascio delle contestate miniconcessioni demaniali, attualmente nel mirino dei Carabinieri. Insomma una situazione di concreto fallimento politico ed amministrativo che si protrae stancamente e a danno dei cittadini”. (http://www.parvapolis.it/page.php?id=53438)
27 Agosto 2011 – Cristian Leccese: “si prefigura chiaramente il fallimento politico ed amministrativo dell’esperienza Raimondi che consegna ai gaetani solo chiacchiere e vecchie promesse sterili.” (http://www.iltempo.it/latina/2011/08/27/1281122-leccese_cambiare_citta.shtml)
08 Settembre 2011 – Cristian Leccese: “Una coalizione “per il bene di Gaeta” da contrapporre al fallimento politico-amministrativo di Raimondi e della sua coalizione civico-di-sinistra”. (http://www.paconline.it/wordpress/blog/archives/57461)
29 Settembre 2011 – Cristian Leccese: “quella dell’ex Avir è una situazione che testimonia il fallimento politico ed amministrativo della giunta civico-di-sinistra targata Raimondi-Ciano”. (http://golfonews.com/index.php?option=com_content&view=article&id=9705:gaeta-area-ex-avir-pdl-gli-errori-di-raimondi-e-della-sua-maggioranza&catid=146:politica&Itemid=15)
10 Ottobre 2011 – Cristian Leccese: “Insomma, quella dell’ex Avir è una situazione che testimonia il fallimento politico ed amministrativo della giunta civico-di-sinistra targata Raimondi-Ciano”. (http://www.radiospazioblu.com/centro.php?page=lanews.php&idn=79&tipo=1)
21 Novembre 2011 – Cristian Leccese: ” I supporter del sindaco Raimondi non ci stanno ad incassare il fallimento politico ed amministrativo e si arrampicano sugli specchi per cercare di dimostrare a tutti i costi che i nostri allarmi sono infondati. (http://www.provincialatina.tv/notizie/dettaglio.php?id=37183)
2 Gennaio 2012 – Cristian Leccese: “non avendo più argomenti per giustificare il fallimento politico ed amministrativo della sua esperienza, finisce con l’aggrapparsi sugli specchi tentando di giustificarsi con scuse banali, lesive dell’intelligenza del cittadino gaetano”. (http://www.golfoedintorni.info/dettaglio_prodotti_index.asp?descrizione=1299&cat=&offset=)