ONG, da che parte stare?

ONGBisogna evitare che le frustrazioni per una gestione pessima dei fenomeni migratori si trasferiscano agli istituti democratici, ai principi fondamentali.

Le ONG sono un patrimonio del mondo civile e vanno difese, se ci sono delle mele marce si facciano nomi, inchieste, si sbattano in galera i colpevoli, ma non si metta in discussione il diritto d’asilo e il dovere di soccorrere chi rischia la vita in mare. Siamo, infatti, in questi giorni a questo: alla negazione, a fini di propaganda dei valori umani. E la necessità di arginare questa orribile deriva dovrebbe valere molto più delle prospettive politiche e delle ambizioni dei singoli aspiranti leader o presidenti del consiglio.

Annunci

Analisi del Voto For Dummies, No Grazie.

appendino-raggi-ape10La favoletta per bambini che sia a Roma che Torino il M5S abbia vinto grazie ai voti della destra denota tutta la pochezza e la miopia politica di chi propone questa lettura for dummies del voto amministrativo. I numeri plebiscitari presi dai 5S nelle periferie (oramai sterminate) di queste due città metropolitane certifica sul piano elettorale l’incapacità della sinistra, del centrosinistra e del centrodestra di essere riconosciuti come soggetti credibili per fornire risposte al disagio sociale che si vive in quei luoghi, dove non si vive più ma si sopravvive, dei nonluoghi dove rassegnazione e disperazione sono cresciuti negli ultimi anni in maniera esponenziale. In queste Città è avvenuta semplicemente una saldatura tra giudizi negativi su due livelli: nazionale e locale. I cittadini di Roma e Torino con il loro voto hanno bocciato senza appello sia le politiche del Governo nazionale che le azioni delle rispettive Amministrazioni Locali, ritenute anche quest’ultime del tutto insufficienti (Roma peggio di Torino, i risultati elettorali confermano) e quindi co-responsabili del peggioramento complessivo della loro qualità della vita.

Ius sola

Ius solaEh si, a furia di temperarlo questo ius soli è finito in gran parte nel cestino. Ci dobbiamo accontentare, dicono. A caldo, molti commentatori, come il bravissimo Alessandro Gilioli, si sono concentrati sulle limitazione della nuova legge imposte all’acquisizione della cittadinanza per insufficienza di reddito e non disponibilità di una casa a norma, e hanno ragione, sono sicuramente le storture più serie e dolorose. Personalmente, però, non riesco proprio a spiegarmi, se non per ragioni di stupidità politica e furore ideologico, come si può scrivere in una legge un comma che precluda a un diritto fondamentale per demeriti scolastici. Insomma, se vai male a scuola o vieni bocciato: niente cittadinanza. Una stronzata atomica. I diritti fondamentali non sono mai assoggettabili né a competizione né a merito, almeno funziona così nei Paesi civili ‪#‎sapevatelo‬

Colosseo, politiche che perdono non si cambiano.

colosseo-assemblea1Un’assemblea sindacale di due ore, comunicata nei tempi e nelle modalità previste dalla legge, provoca una polemica mostruosa, quasi incontrollabile. Abbiamo ascoltato parole fuori misura, fuori dal mondo da parte di tanti, a cui va aggiunta l’approvazione istantanea di un decreto legge, che dicono era da tempo tenuto in caldo in un cassetto di Palazzo Chigi.

Che lo Stato, e dico lo Stato, non paghi parte delle retribuzioni dovute a quei lavoratori non fa notizia e tantomeno scandalizza i tanti che, da Palazzo Chigi al Campidoglio, hanno stra-parlato di danno d’immagine internazionale provocato dall’esercizio di un diritto.

Se il patrimonio culturale cade a pezzi, la colpa è sempre dei lavoratori, seguono a ruota sindacati e di chiunque si oppone a un’egemonia neoliberista e una politica di Governo che insiste nel peggiorare le condizioni del lavoro, limitando diritti e costruendo un sistema d’incentivi negativi, per non dire punitivi. Il modello non funziona, crescita dell’economia e soprattutto della produttività del lavoro sono lì a certificarlo (vedi dati Istat). Si cambi registro e politiche del lavoro, e soprattutto si eviti di scaricare sui lavoratori i ritardi delle politiche e degli investimenti in cultura del nostro Paese.

Investimenti esteri = Crescita?

Andamento-InvestimentiCrescono gli investimenti esteri in Italia (IDE) e l’economia non da segni di ripresa. Perché? Innanzitutto, perché l’indicatore andrebbe spiegato e non strumentalizzato per costruire cieli azzurri e prese in giro degli italiani. Senza entrare in noiosi tecnicismi (IDE orizzontali o verticali, greenfield o brownfield, ect.), tenete solo presente che nel calcolo degli IDE (che si dicono in crescita, ed è assolutamente vero) ci sono o ci saranno, per esempio, i soldi spesi da investitori ed imprese estere per acquisire il controllo di aziende italiane, come: Italcementi, Pirelli, Ansaldo Breda, Indesit, Telecom, Poltrana Frau, ect.

A cosa porteranno questi investimenti esteri è presto per dirlo, andranno verificati piani industriali collegati all’acquisizione, potrebbero anche non essere favorevoli all’economia italiana. Un’acquisizione può essere fatta semplicemente, e le multinazionali sono maestre in questo, per eliminare un competitor da un mercato. Per dire.

Nessuno è capace, con le Larghe Intese.

Monti Letta RenziMonti, Letta, Renzi. Non è una questione di capacità o incapacità di qualcuno, è lo schema politico ad esser sbagliato. Con le larghe intese si va a affondo, punto. Nessuno è in grado di risollevare, riformare o cambiare alcunché. E poi, il Governo di un Paese trasformato in un concorso di bellezza o una prova attitudinale, considerando elettori e democrazia orpelli inutili, preoccupa e tanto. Prima usciamo da questo incubo meglio è, per tutti.

L’Europa che non serve a nessuno

Nella notte un migliaio di clandestini sbarcano a Lampedusa, 10 barconi raggiungono l' IsolaUn’emergenza continua, una strage senza fine, una tragedia dove Italia, Europa e Comunità Internazionale sono tutti responsabili. Mille morti in dieci giorni, non sono certo figli di nessuno. Numeri che dichiarano fallita senz’appello l’operazione Triton dell’Unione Europea, che non ha fermato le tragedie, non poteva farlo, e ora tardivamente si rafforza la consapevolezza dell’inutilità dell’attuale UE nel gestire fenomeni globali e le responsabilità di chi, soprattutto nel nostro Paese, ha sostenuto che questa operazione potesse sostituire la più vasta ed efficace del Governo Italiano “Mare Nostrum”.

 

Da Bruxelles, i soliti tecnocrati dell’Unione Europea ci ricordano che l’immigrazione non è una politica comune europea. Bene, si cambi subito, perché se l’Europa vuole continuare a occuparsi solo di austerità, di vincoli di bilancio e poco altro, sia chiaro, non serve agli italiani ed a nessun cittadino europeo.

Un Candidato NN per il Quirinale #troviamounnome

Costruire un fronte NN, Non Nazareno, aperto a tutti quelli che pensano che il prossimo Presidente della Repubblica debba essere elettocon metodo costituzionale e che debba avere un profilo alto e credibile come garante della costituzione e di tutti i cittadini Italiani ‪#‎troviamounnome‬

Candidato NN

Una legge elettorale brutta-brutta

++ Berlusconi:Aula Senato boccia odg n.9 contro decadenza ++La battuta del giorno, il retroscena del giorno, il nemico del giorno, il gufo del giorno, il bastonatore renziano del giorno, l’escamotage parlamentare del giorno e cosi via. Andiamo avanti così da settimane, mesi. Se per un secondo ti fermi, smetti d’inseguire il dibattito politico minuto per minuto, scopri un mondo di preoccupante semplicità e linearità. L’Italicum passa dal 1.0 al 2.0 senza cambiare di una virgola e il risultato finale è questo: la quasi approvazione di una legge elettorale brutta-brutta, che penseresti come scritta semplicemente con i piedi, se non fosse scritta a quattro mani con Berlusconi.

Penastellati

beppe-grillo-e-visone-300x200Perché in forte dissenso con la linea politica del M5S‬ si sono appena dimessi dal parlamento i tre rappresentanti della provincia di Latina. Non escono dal gruppo parlamentare, ma chiedono di andare a casa, di uscire dal parlamento, per capirci. Nonostante ciò sul web è partita la solita sventagliata d’insulti indicibili di presunti militanti a cinque stelle, una roba impressionante. Che pena.