La Giusta Amministrazione in Provincia di Latina

Come sono amministrati i nostri territori? Quali benefici hanno avuto i cittadini da anni di governo della Provincia di Latina e della Regione Lazio? Quali politiche sono state messe in campo a favore di cittadini, lavoratori e imprese?

In una Provincia che più di altre soffre della difficile situazione economica accentuata dai tagli indiscrimati e orizzontali dei Governi Nazionali ai danni degli Enti Locali, brillano alcuni Sindaci del Partito Democratico che, tra mille difficoltà, danno prova di buona amministrazione e lanciano un segnale di speranza a tutti i cittadini della Provincia di Latina.

Trasparenza amministrativa, razionalizzazione della spesa, riduzione degli sprechi, tutela del territorio, raccolta differenziata dei rifiuti, assistenza ai cittadini più deboli, servizi alle imprese, valorizzazione dei prodotti locali, investimenti sulla cultura, diffusione di reti e servizi telematici innovativi, lotta alla criminalità e alla corruzione.

Fabio Luciani, Vice Presidente del PD Lazio e candidato del Partito Democratico per la Regione Lazio alle elezioni del 24 e 25 febbraio prossimi, incontra gli amministratori del PD dei comuni della Provincia di Latina, Domenica 10 Febbraio alle 11:00 presso la Sala Verde dell’Hotel Serapo, a Gaeta.

Parleremo con Andrea Campoli, Tommaso Conti, Franco Simeone e Italo La Rocca e Fabio Luciani delle pratiche amministrative migliori grazie alle quali i Sindaci del Partito Democratico offrono protezione e nuove opportunità ai propri concittadini. Discuteremo di come esportare queste esperienze positive su scala più larga e del ruolo dei cittadini nella riscossa civile, democratica ed economica del nostro territorio.

Non mancate!!

 

Manifesto10FEB

Crisi Panapesca, difendere lavoratori e futuro produttivo del nostro territorio

panapesca_insegnaLa richiesta di mobilità per 31 dipendenti della Panapesca rischia seriamente di infliggere un ulteriore colpo al settore produttivo della nostra città, già duramente provato dalla crisi delle principali realtà economiche gaetane. Sono vicino ai dipendenti della Panapesca e alle loro famiglie, che portano sulle proprie spalle il peso principale del periodo di difficoltà in cui versa l’economia del Paese e del nostro territorio e di scelte imprenditoriali che potrebbero mortificare anni di lavoro e di sacrifici . Auspico che l’incontro prontamente convocato dal Sindaco Mitrano con i sindacati dia i suoi frutti e soprattutto riesca a fornire garanzie circa il futuro dei dipendenti ed evitare quindi la perdita di ulteriori posti di lavoro nella nostra Città.

Fabio Luciani 

Candidato PD al Consiglio Regionale del Lazio – Collegio Latina

Vicepresidente del PD Lazio

Comunicato Stampa del 13 Gennaio 2013

Lo sport è di tutti. Fermiamo la privatizzazione dello sport gaetano.

È stato appena pubblicato un bando di gara con cui l’amministrazione Mitrano ha deciso di privatizzare lo sport a Gaeta. Più precisamente, parliamo di un appalto che ha ad oggetto la privatizzazione della gestione delle strutture sportive. Passeranno ai privati il Campo Sportivo “A. Riciniello”, le Palestre di Via Marina di Serapo e Palestra della Scuola Primaria “Sebastiano Conca”. Una privatizzazione dubbia, sbagliata e frettolosa, di cui ovviamente non si trova traccia nel programma elettorale delle destre che amministrano la Città. Leggendo il capitolato d’appalto si ha poi l’impressione di un bando che certo non brilla per trasparenza. Un bando che non fissa nemmeno come obbligatori gli investimenti necessari per l’omologazione sportiva delle strutture. Per fare un esempio, l’appalto potrebbe essere affidato a un gestore privato che potrebbe non essere vincolato a interventi per l’omologazione del Campo Sportivo e potrebbe, per assurdo, ottenere anche un raddoppio della durata dell’appalto proponendo un intervento minore come la copertura delle tribune (vedi Art. 2 Capitolato d’appalto). È purtroppo plausibile che le nostre società di calcio saranno costrette a disputare per anni le loro gare di campionato in altre Città, con un aggravio di costi e difficoltà logistiche, che potrebbe dimostrarsi insostenibili per tifosi, appassionati e le stesse società. Inoltre, si affida ai futuri gestori privati il diritto insindacabile di negare l’utilizzo delle strutture a tutte le società sportive che potrebbero trovarsi, anche per un brevissimo periodo, in una situazione di morosità nel pagamento canone dovuto. Insomma, siamo di fronte a una privatizzazione dello sport nella nostra Città. Per questo sollecito e anzi ritengo doverosa una coesione di tutte le forze politiche cittadine di centrosinistra per mettere in campo tutte le iniziative necessarie per evitare che la gestione di beni comuni, come le strutture sportive, passino a privati, senza precise garanzia a tutela delle società sportive, dei giovani e degli sportivi della nostra Città. Lo sport a Gaeta deve rimanere di tutti, e se l’Amministrazione Mitrano non dovesse cambiare idea, si potrebbe promuovere anche un referendum cittadino contro la privatizzazione dello sport, per dire.

Estratto Capitolato d’appalto.

Estratto Capitolato d’appalto.

ART. 2 DURATA

La gestione avrà la durata fino al 31.12.2017 (giusta Deliberazione C. C. n. 51 del 04/08/2012) e la

data iniziale decorrerà dalla data di sottoscrizione del presente contratto.

Resta salva la possibilità di revoca da parte dell’Amministrazione Comunale, in qualsiasi momento,

in caso di inottemperanza da parte del Gestore degli obblighi e degli oneri assunti dal medesimo in

sede di proposta di gara e con la sottoscrizione del presente contratto.

In caso di investimenti di superiori a €. 150.000,00 sull’impianto da parte del gestore , la

convenzione sarà prorogata per un ulteriore periodo di quattro anni idoneo a consentire un equo

ammortamento della relativa spesa.

Gli investimenti di cui al precedente punto sono:

a. Rifacimento terreno di gioco ai fini dell’omologazione dello stesso;

b. Copertura delle tribune;

c. Sistemi e tecnologie di eco sostenibilità per il fabbisogno energetico e dei materiali

utilizzati;

Per quanto attiene le Palestre la gestione inizierà il 01.01.2013

– (QUI trovate la documentazione della Gara)

Mercatino degli Squallori

Doveva essere (forse) un simpatico mercatino, ma in realtà visitandolo si ha l’impressione di attraversare una specie di tendopoli. Mi domando, come l’Amministrazione Mitrano abbia potuto autorizzare tutto ciò, a Gaeta, in pieno centro Città, a due passi dal Palazzo Comunale. E’ evidente, per l’Amministrazione Mitrano le uniche tende fastidiose e degradanti sono solo quelle dell’Arenauta. Eh, già.

IMG_0297IMG_0296IMG_0295IMG_0294IMG_0293IMG_0292
IMG_0291IMG_0290IMG_0289IMG_0288IMG_0287IMG_0285
IMG_0284IMG_0283IMG_0282IMG_0281IMG_0279IMG_0278
IMG_0277IMG_0276IMG_0275IMG_0274IMG_0273IMG_0272

Dietrofront di Mitrano: sparisce propaganda PDL dal Sito Web della Città di Gaeta

Good News.

Avevano scambiato  il sito istituzionale della Città di Gaeta per un portale propagandistico del PDL, sollevando molte proteste in Città e sui social network. Sulla triste vicenda avevo dedicato un post anch’io,  pochi giorni fa.  Una levata di scudi che pare abbia però convinto il Sindaco Mitrano a fare marcia indietro, come già accaduto per la sparizione notturna e improvvisa di Via Gramsci.

Dal sito web sembrano essere stati rimossi in queste ore i comunicati propagandistici del PDL pubblicati nelle scorse settimane, anche se continuano a essere online comunicati poco istituzionali di Sindaco e Assessori.

Chiarisco.  È giusto comunicare ai cittadini deliberazione e approvazione di atti amministrativi importanti, ci mancherebbe. Bisognerebbe però evitare di aggiungere al comunicato commenti e precisazioni  di natura politica. Il comunicato pubblicato sulla Farmacia Comunale (clicca qui) è un esempio di come non si debba dare caratterizzazione politica a un comunicato istituzionale, per dire.

La Stangata

Il provvedimento più condivisibile di tutta la manovra approvata dalla Giunta Mitrano è l’introduzione della tassa di soggiorno. Si poteva evitare di copiare il regolamento da una nota località invernale italiana, ma questa è un’altra (triste) storia. Il resto della manovra è invece un vera stangata per le famiglie gaetane e le imprese del territorio, senza precedenti. Sono state aumentate  la tassa sui rifiuti, l’addizionale IRPEF, l’IMU sulla prime e seconde case, le tariffe sulla mensa ed il trasporto scolastico che peseranno mediamente, secondo prime autorevoli stime,  per circa 800 Euro l’anno sul bilancio di ogni famiglia gaetana. Saranno colpite le famiglie già in difficoltà e in particolare saranno falcidiati i redditi medio-bassi con un mix micidiale di tasse, imposte, tributi e contributi che prevedono scarsissimi meccanismi di progressività e blandi correttivi in funzione della capacità contributiva. L’incremento pauroso della pressione fiscale  genererà per le casse comunali un extra-gettito di più di 3.000.000 di euro, ma i cittadini non vedranno, quasi sicuramente, migliorati di una virgola i servizi erogati dal Comune. A cosa serviva una manovra così pesante? Cosa andrà a finanziare l’extra-gettito? Forse l’allentamento della lotta all’evasione ed elusione fiscale avviata dalla precedente amministrazione? Nuovi progetti di spesa sociale allegra? Family card? Per ora sono solo supposizioni, ma non può essere diversamente anche perché al bilancio di previsione non sono state allegate le relazioni programmatiche di alcuni settori importanti. Quali? Servizi sociali e sport, per esempio.

Arcivescovo Gaeta non perde occasione di esibire sua influenza (poco spirituale)

L’Arcivescovo non perde occasione per mostrare ed esibire alla Città la sua influenza sulla politica gaetana. Più che distitinti e distanti, la sua presenza avvalora, a mio avviso, la vox populi di una sua vicinanza (non solo spirituale) all’Amministrazione Comunale di destra e al neo Sindaco Mitrano. Mi concedo un consiglio non comunale, ma personale. Se fossi stato nel Sindaco Mitrano e nella sua maggioranza per consentire all’Arcivescovo di portare i suoi auguri di buon lavoro avrei optato per convocare un Consiglio Comunale ad hoc . Presenziare e intervenire al primo consiglio comunale, per intenderci quello dell’insediamento, in cui peraltro si dovevano votare cariche importanti dell’Assise Comunale, mi pare quantomeno una scelta poco opportuna.

Associazione Antimafia “Caponnetto”, Lettera Aperta agli Elettori di Gaeta per Ballottaggio 20 e 21 Maggio

Associazione antimafia “Antonino Caponnetto”

Associazione regionale di lotta contro le illegalità e le mafie

www.comitato-antimafia-lt.org info@comitato-antimafia-lt.org

Latina 17 maggio 2012

 COMUNICATO STAMPA

Non è compito  nostro interferire nella vita dei partiti politici ,né interessarci degli esiti  delle elezioni,ma ,quando si rischia di dar vita a situazioni comparabili più o meno a quella già verificatesi a  Fondi,abbiamo il dovere di intervenire invitando gli elettori ad esprimere un  voto meditato.

Ci riferiamo,  nel nostro caso,alle elezioni in corso a Gaeta con il ballottaggio fra due  candidati alla carica di sindaco,dei quali uno -il sindaco uscente –avallato dai vertici nazionali e regionali del  Partito Democratico.

Gaeta è troppo  vicina geograficamente e non solo a Fondi e,quindi,il rischio è reale.

Nella città del  Golfo sembra che già siano in corso operazioni di compravendite sospette di  terreni,nella previsione forse di un possibile ribaltamenento della situazione politico-amministrativa, nella  zona di Montetortona ad opera di soggetti riconducibili ad ambienti  campani,operazioni sulle quali richiamiamo sin d’ora l’attenzione delle forze dell’ordine e  della magistratura.

C’è da  aggiungere che ,con la imminente realizzazione di imponenti lavori portuali che  comporteranno l’impiego di quantità enormi di capitali privati,sulla cui  “origine”è necessario essere estremamente vigili,c’è l’esigenza di un’amministrazione pubblica che sia  particolarmente sensibile ed attenta al fenomeno di. prevedibili infiltrazioni  mafiose.

Il rischio che  ci sia ,con un non auspicabile mutamento del quadro politico attuale e con un  abbassamento del livello di guardia rispetto al fenomeno del radicamento mafioso  sul territorio gaetano e del Basso Lazio, un calo di tensione sul versante della  lotta alle mafie già fortemente presenti ,ci induce ad essere molto  preoccupati.

Facciamo  appello,pertanto,al buon senso ed all’intelligenza degli elettori di Gaeta perché il 20 e 21 prossimi venturi votino il candidato alla carica di sindaco  vicino al centrosinistra Antonio Raimondi.

 

IL SEGRETARIO REGIONALE

Dr.Elvio Di Cesare

Gaeta 2012, Una Campagna Elettorale Desolante

Una campagna elettorale rissosa e confusa. A fare notizia sono solo manifesti abusivi e qualche atto vandalico. Una campagna così squallida che di programmi si parla solo dai palchi dei comizi e non si accettano, invece, confronti pubblici con altri candidati alla carica di Sindaco. Una politica cittadina che si conferma brutta e primitiva. Anche gli spot elettorali di alcuni candidati al Consiglio Comunale trasmessi da quella TV locale che in Città hanno ribattezzato, aggiungo correttamente, TeleMitrano o TeleFazzone sono penosi, anzi direi quasi imbarazzanti. Uno scenario desolante nel quale al cittadino-elettore è sottratto il diritto all’informazione e in cui rischia di trarne vantaggio esclusivamente il candidato della destra fazzoniana che, come noto, punta tutto sui cacciatori di preferenze abili a muovere il consenso su meccanismi clientelari e di riscatto individuale piuttosto che sulla base di programmi e di prospettive collettive.

Nuovo Campo di Calcio della Piaja dalle Parole ai Fatti.

“Sono iniziati questa mattina i lavori presso il campo di calcio del quartiere Piaja dopo un iter amministrativo durato due anni”. Finalmente siamo riusciti ad affidare i lavori. Un Intervento importante per lo sport cittadino e la vivibilità del quartiere Piaja. Un intervento a favore dei giovani, ma con ricadute positive su tutti i residenti del quartiere. Un intervento finanziato dalla precedente Giunta di Centrosinistra, fortemente voluto dall’Assessore ai Lavori Cosmo di Perna e che ha trovato concretizzazione anche grazie all’interessamento politico del Consigliere Regionale del Partito Democratico Enzo Foschi. Il candidato Sindaco della destra fazzoniana programma viaggi elettorali nei quartieri della Città, Noi alle parole e ai tour propagandistici, come dire, preferiamo i “fatti”.