Colosseo, politiche che perdono non si cambiano.

colosseo-assemblea1Un’assemblea sindacale di due ore, comunicata nei tempi e nelle modalità previste dalla legge, provoca una polemica mostruosa, quasi incontrollabile. Abbiamo ascoltato parole fuori misura, fuori dal mondo da parte di tanti, a cui va aggiunta l’approvazione istantanea di un decreto legge, che dicono era da tempo tenuto in caldo in un cassetto di Palazzo Chigi.

Che lo Stato, e dico lo Stato, non paghi parte delle retribuzioni dovute a quei lavoratori non fa notizia e tantomeno scandalizza i tanti che, da Palazzo Chigi al Campidoglio, hanno stra-parlato di danno d’immagine internazionale provocato dall’esercizio di un diritto.

Se il patrimonio culturale cade a pezzi, la colpa è sempre dei lavoratori, seguono a ruota sindacati e di chiunque si oppone a un’egemonia neoliberista e una politica di Governo che insiste nel peggiorare le condizioni del lavoro, limitando diritti e costruendo un sistema d’incentivi negativi, per non dire punitivi. Il modello non funziona, crescita dell’economia e soprattutto della produttività del lavoro sono lì a certificarlo (vedi dati Istat). Si cambi registro e politiche del lavoro, e soprattutto si eviti di scaricare sui lavoratori i ritardi delle politiche e degli investimenti in cultura del nostro Paese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...