#confrontomaivisto, com’è andata?

Bella, bellissima serata sabato a Minturno per il #confrontomaivisto.

Un pensiero ai presenti e agli assenti. E si, perché rispetto al “cartellone” iniziale ci sono stati un paio di cambiamenti. Gennaro Migliore non ha potuto partecipare a causa di un lutto in famiglia (e ancora un volta desidero fargli sentire la mia personale vicinanza). La senatrice M5S Ivana Simeoni, invece, un paio di giorni prima dell’evento ha dovuto declinare l’invito per “problemi interni al movimento”. Aspettiamo entrambi a braccia aperte, in qualsiasi momento.

Quindi è toccato a Walter Tocci, Raffaella Bolini e Giuseppe D’Acunto (segretario del circolo locale di SEL in sostituzione di Gennaro Migliore) farsi torchiare da Alessandro Gilioli, giornalista de L’Espresso e blogger.

Alessandro Gilioli

Si è quindi discusso di riforme, Costituzionali ed elettorali. Di lavoro, di precariato, di job(s)-act. Di Europa. E delle prospettive di “riunione” in un unico grande soggetto della varie anime della sinistra italiana.

Walter Tocci

Walter Tocci, firmatario insieme ad altri 22 senatori del PD di una proposta di riforma alternativa rispetto a quella governativa, invita alla prudenza sulle riforme della Costituzione (sul suo blog potete leggere tutti i suoi interventi più recenti) e, su domanda precisa di Alessandro Gilioli, anticipa il suo voto contrario al “modello Renzi” qualora tale proposta di riforma del Senato dovesse arrivare in aula immodificata . Tra le affermazioni, sensatissime, di Tocci, quella che mi piace di più è la dichiarazione di fallimento della sua generazione come padri costituenti: troppe volte, in questi anni, sono state fatte pessime riforme, anche dal centrosinistra, e quindi meglio lasciare questo compito ad altri. In merito al dibattito in corso nel nostro paese su temi “sociali”, Tocci ha lodato le buone intenzioni dell’agenda Renzi, ossia il riportare al centro del dibattito la redistribuzione del reddito e il lavoro. Ottimo anche il partire dalla  ristrutturazione degli edifici scolastici come primo segnale di investimento pubblico per creare lavoro e cultura. L’appello di Tocci a Renzi, in sostanza, è stato: occupati dell’Italia, ma lascia stare la Costituzione. Passando alle elezioni europee, il senatore del PD ha evidenziato la novità di questa consultazione: per la prima volta il PSE (e bene ha fatto Renzi a far si che finalmente, dopo anni di tentativi messi in atto dai leader che si sono succeduti, il PD aderisse alla famiglia del socialismo europeo) si presenta con un programma comune ed un leader candidato alla presidenza della Commissione Europea. E se è vero, ad esempio, che grazie all’impegno di Martin Schulz in Germania, seppur in un governo di larghe intese, è stato possibile raggiungere un accordo su un salario minimo universalmente valido, allora con un successo pieno del PSE alle consultazioni del prossimo 25 maggio sarà possibile mettere in atto politiche sociali, economiche (e monetarie, aggiungo io) che potenzialmente possono offrire una risposta concreta alle politiche di austerithy fortemente volute dalla cancelliera tedesca. Infine, sulle prospettive di un soggetto unico della sinistra italiana (e rispondendo alla provocazione di Gilioli: ma tu, Civati, che ci state ancora a fare nel PD?) Tocci ha ribadito la volontà di tener vivo il dibattito parlamentare per preparare il dopo-Renzi, ma continuando a far politica in acque poco tranquille, e  stando nel gorgo per cambiare le cose. Almeno finché non si rischia di affogare.

Raffaella Bolini

Raffaella Bolini, candidata alla elezioni europee nella circoscrizione centro per la lista L’Altra Europa con Tsipras, sulla riforma della Costituzione ha le idee chiare. Contesta la lettura della JP Morgan che attribuisce alle Costituzioni dei paesi del sud-Europa una eccessiva attenzione ai diritti delle persone e piuttosto auspica che la Costituzione Italiana sia presa a modello ed esportata in Europa piuttosto che modificata secondo quanto pensato dal governo. Sulle politiche economiche del governo Renzi, Raffaella innanzitutto ci rammenta che a fronte degli 80 euro al mese per i redditi al di sotto dei 1500 € netti al mese, ci sono gli incapienti per i quali non è previsto nulla. E, nel merito, le cifre di cui si parla, seppur meglio di niente, sembrano davvero essere poco più di una elemosina. Il sostegno alla candidatura di Alexis Tsipras nasce dalla volontà di costruire un’Europa diversa, fondata sulle persone, sui diritti, sui beni comuni piuttosto che sul blocco dei poteri banche-finanza. E se la Lista Tsipras sarà decisiva nel disegnare il nuovo assetto del parlamento europeo, allora il PSE dovrà scegliere se rivolgersi a sinistra o piuttosto trasferire anche a Bruxelles le larghe intese con il PPE. Alla domanda di Alessandro, che chiede se l’esperienza de L’Altra Europa nasce e morirà con le Elezioni Europee, Raffaella ribadisce la volontà di proseguire oltre la scadenza elettorale, per consentire una interlocuzione costante del mondo dell’associazionismo con i partiti che rappresentano la sinistra nell’attuale Parlamento.

Giuseppe D'Acunto

Giuseppe D’Acunto, compagno e amico da una ventina d’anni, ha avuto il compito, eseguito egregiamente (qualcuno aveva dubbi?), di sostituire il Gennaro Migliore. Giuseppe ha avuto parole durissime per Renzi (“il guitto di Firenze”), per l’attuale governo e per il percorso delle riforme, e ha messo in guardia, nel suo intervento, dal rischio di deriva autoritaria che si intravede nella sostanza ma anche nella forma, allorquando si utilizzando parole denigratorie nei confronti delle minoranze e di chi dissente, anche con voce autorevole. E a proposito di legge elettorale, ci ha ricordato che uno dei più autorevoli padri costituenti, Piero Calamandrei, eletto in Assemblea Costituente con un partito che raccolse l’1,6% dei voti, ai giorni d’oggi nemmeno potrebbe sedere in Parlamento dato che la legge elettorale proposta dall’asse Renzi-Berlusconi priva di rappresentanza le minoranze con soglie di sbarramento tanto elevate (8% per chi non si coalizza). Giuseppe ha bocciato senza appello l’agenda economica di Renzi, anche perché ci si accorge che sotto i titoli sono nascoste proposte che fanno regredire il Paese in termini di diritti e di benessere economico, come avviene, a suo dire, per le proposte contenute nel job(s)-act che istituzionalizzano la precarietà. Il segretario del circolo cittadino di SEL pensa, piuttosto, che per far ripartire l’economia sia necessario puntare sulle eccellenze produttive del nostro Paese e solo la fidelizzazione della forza lavoro può far mantenere elevati standard di qualità produttiva, soprattutto nella piccola e media impresa. Giuseppe pensa anche che sia necessario un grande intervento di sostegno pubblico al lavoro, che non vuol dire nazionalizzazione delle imprese ma impegnare risorse finanziarie statali per rimettere in moto l’economia del Paese. Sulle prospettive della sinistra in Italia, infine, il rappresentante di Sinistra Ecologia e Libertà ricorda come sia stato il PD a “tradire” il patto di coalizione che vedeva i due partiti presentarsi uniti alle passate elezioni sotto le insegne di Italia Bene Comune e ricorda anche come nel DNA di SEL sia presente l’aspirazione a fondersi in un contenitore più grande e appartenente alla famiglia del socialismo europeo, a patto però di riconoscersi in politiche comuni in tema di diritti, di ambiente, di politiche del lavoro.

Interventi dal pubblico. Il segretario del circolo PD cittadino Franco Esposito che “difende” (semmai ce ne fosse bisogno) Renzi e il suo governo e, rivolto a Tocci, chiede tempo per poter giudicare se farà bene o male. E conclude dicendo che la riforma del Senato, che prevede la nomina di amministratori locali quali suoi rappresentanti, non dovrebbe spaventare il PD, dato che in una siffatta assemblea gli amministratori del PD sarebbero sempre in maggioranza. Risposta di Tocci che ribadisce il concetto: Renzi si occupi di tutto eccetto che della Costituzione. E sulla seconda parte della domanda: non è che si fanno le riforme perché avvantaggiano una parte politica.

Franco Esposito

Altro intervento di Gabriele Russo, giovane segretario dei GD di Minturno che invita gli interlocutori a porre una particolare attenzione, in chiave elezioni europee, alla lotta alla criminalità organizzata e alle politiche giovanili.

Gabriele Russo

Che dire, un dibattito serrato, franco, nel quale i protagonisti hanno mostrato tratti in comune (sulle Riforme) e visioni distinte (sull’Europa). Ma le differenze non sono così incolmabili e lasciano ben sperare per le prospettive della sinistra in Italia. Una sinistra che dovrà continuare a far sentire la propria voce per presentarsi in maniera autorevole agli elettori quando finirà l’epoca delle larghe intese (speriamo prima possibile).

Peccato per l’assenza della senatrice Simeoni, perché credo che il confronto sia necessario soprattutto in questo periodo storico e perché credo sia indispensabile coinvolgere, in Parlamento, le persone perbene e di buona volontà che hanno aderito al movimento per cambiare, in meglio, il nostro Paese e non per soggiacere ai diktat dei guru o di attivisti invasati.

Infine, un pensiero a Minturno, che non è un posto facile per fare politica, ma le persone presenti lasciano ben sperare. Noi insisteremo.

10009803_850699874955704_564851216_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...