Per un congresso alla Franceschini (edizione 2009)

Franceschini 2013 

Oggi parla di fine del bipolarismo, della  necessità di separare il Candidato Premier dal Segretario,  di limitare agli iscritti l’elezione del segretario nazionale e che il nostro dibattito congressuale sia semi-libero non potendo rompere troppo le scatole alle larghe intese e al Governo Letta.

Franceschini 2009

“Fin dalla nascita del partito democratico ha scelto di affidare agli iscritti le scelte del partito e l’elezione degli organi territoriali, ma che a loro si affiancassero gli elettori da chiamare nei momenti delle grandi scelte, come certamente una grande scelta è l’elezione del segretario nazionale. Non offriamo barriere, gli elettori del PD non sono estranei sono parte di noi sono quelli che arrivano nelle grandi mobilitazioni civili quelli che ci sostengono nelle campagne elettorali.  Ecco perché difendo questo equilibrio e perchè penso che le primarie del 25 ottobre saranno un altro momento importante per noi e per tutta la democrazia italiana. Io voglio un partito solido, ma solido nel 2009 non significa rispolverare i modelli di cinquant’anni fa,  si può fare un partito solido e moderno”.

Video integrale – Un partito aperto, un partito solido – D. FRANCESCHINI 2009

Non so voi, ma io preferisco decisamente il Franceschini edizione 2009 e voglio anch’io un partito moderno, aperto e pure organizzatissimo.  Lui ha cambiato idea, diciamo. Noi no,  e per farci sentire possiamo firmare QUI.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...