Sei Giovane e Laureato? In Italia meriti 800 euro o la disoccupazione

L’economia italiana arranca e a pagare le conseguenze peggiori sono i giovani. Per molti analisti e osservatori i dati forniti dalla ricerca di Almalaurea possono sembrare sconvolgenti, ma sono invece semplicemente scontati. In un Paese miope, immobile e con una piramide demografica rovesciata le scelte non possono che ricadere sulle future generazioni e il costo delle crisi sui giovani. Nessuna novità, purtroppo. Negli ultimi mesi, la politica oltre ad occuparsi dei problemi di Berlusconi, provare spallate parlamentari o costruire terzi poli poco utili al Paese ha fatto davvero poco, anzi direi nulla. Di riforme ne avremo bisogno, certo, ma di vere e profonde. Le poche riforme strutturali fatte negli ultimi 15 anni sono state scaricate tutte sulle spalle dei giovani e delle future generazioni. Mi riferisco nello specifico alla riforma del mercato del lavoro (prima legge Treu e poi legge 30/2003) e alla riforma delle pensioni. Le riflessioni da fare dovrebbero essere sicuramente di ben altro tenore e spessore, ma mi pare sia ragionevole affermare che: ‘’in un Paese dove i giovani laureati, se fortunati, trovano un lavoro retribuito in media 800 euro al mese ci sia davvero del marcio”.

Annunci

2 thoughts on “Sei Giovane e Laureato? In Italia meriti 800 euro o la disoccupazione

  1. Le previsioni sovra-esposte a mio avviso sono in eccesso. La condizione giovanile Italiana lascia a dir poco “perplessi”, ma non è un dato inaspettato visto le politiche miopi instaurate sia dai governi di centro-destra che centro-sinistra. Da giovane non posso far notare quando nel 2007 il governo Prodi al fine di soddisfare le richieste di una parte della sua maggioranza, spendeva risorse importanti al fine di ridurre lo scalone Maroni. Tuttavia non posso esimermi dal contestare ferocemente l’ assenza di politiche da parte di questo Governo fatto di “nani e ballerine”. Per quanto riguarda la situazione di una cittadina piccola come Gaeta la situazione giovanile lascia a dir poco allo “sconforto”. Innumerevoli sono i giovani costretti ad “emigrare” al fine di trovare un lavoro precario e mal retribuito. Per quanto riguarda le grandi città (ed io parlo con riferimento a Roma), la situazione non è tanto migliore. I giovani laureati sono costretti quasi a nasconderlo al fine di evitare tirocini formativi infiniti e privi di un barlume di speranza per il futuro. A mio avviso, finchè ci sarà un vecchio di oltre 70 anni a governare questo paese le cose non cambieranno mai, anche se invito i pensionati a scendere nelle piazze insieme, visto che fra poco non ci sarà più nessuno a pagare le loro di pensioni.
    Scusate lo sfogo…..
    Massimiliano

    Mi piace

  2. Caro Fabio, ho letto molto volentieri quanto scrivi e assolutamente mi ci rivedo.
    Purtroppo solo un giovane laureato come me sa quel che si prova ad essere in questo tritacarne.
    Condivido quel che dici in materia di riforme, ma qui anche ogni singolo imprenditore dovrebbe farsi un esame di coscienza, perchè ogni azienda ha una responsabilità sociale…non si è solo lì per il puro business, è ora di realizzarlo.

    Personalmente io ne ho viste di tutti i colori…e ho raccolto tutto in un libro: BRILLANTE LAUREATO OFFRESI
    T’invito su http://www.brillantelaureatooffresi.com per conoscere di più. Il tuo punto di vista sarebbe certamente apprezzato.

    M

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...