Fabio Luciani (PD): “Scetticismo sui primi passi del neoeletto Segretario Scinicariello”

Comunicato Stampa del 17-01-2010

«Condivido la necessità di rinsaldare i rapporti con l’Amministrazione Comunale espressa dal neoeletto segretario Scinicariello, rimango invece molto scettico sulle modalità da lui stesso indicate per raggiungere tale obiettivo. Prassi politica e ragionevolezza collocherebbero una richiesta di azzeramento di giunta come possibile conclusione di un percorso politico e non certo come un passaggio iniziale per aprire una nuova fase di confronto programmatico tra forze politiche». Così in una nota Fabio Luciani, Consigliere Comunale e Responsabile Provinciale per lo Sviluppo Economico del Partito Democratico, commenta l’invito lanciato nei giorni scorsi dal segretario cittadino Scinicariello di azzerare la Giunta Comunale.
Spiega l’esponente del PD – «Prima di avanzare richieste così forti, mi sarei aspettato dal neoeletto segretario cittadino l’avvio di una fase di consultazione con le forze sociali, economiche e politiche della Città, nonché un successivo confronto con la cittadinanza, per giungere in definitiva nel breve periodo a stabilire le priorità della nostra agenda politica e l’indirizzo che dobbiamo adottare rispetto ai temi affrontati» – continua Luciani – «Una volta stabilita la linea politica è evidente che tutti, componenti del direttivo, consiglieri, assessori e militanti, siamo tenuti a promuoverla, ognuno nel proprio ruolo e con le proprie responsabilità. D’altro canto senza partecipazione e confronto, qualsivoglia linea politica rischia di essere controversa e minoritaria non nel partito ma nella Città».
Conclude Luciani, lanciando a sua volta un appello al nuovo segretario cittadino del PD – «Solo sentendoci partecipi di un progetto comune e non soggetti passivi costretti a prendere atto delle scelte altrui, anche se sul piano formale democraticamente assunte dagli organismi di partito, possiamo evitare lacerazioni e tenere insieme il partito democratico di Gaeta. In fondo è stato sempre questo il grosso limite di cui ci siamo sempre lamentati: l’assenza di un confronto preventivo sui temi da affrontare e di un raccordo tra partito, giunta e consiglieri comunali. È evidente che in questa azione di scambio reciproco, il partito deve recitare un ruolo fondamentale nel trasferire all’esterno la certezza della presenza di una classe dirigente determinata, credibile, autorevole ed aperta al confronto».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...